Le strisce LED rappresentano l’attuale non plus ultra in tema di illuminazione della casa.
La versatilità della tecnologia LED, l’alta luminosità di cui è capace e i ben noti bassi consumi proiettano l’illuminazione LED in cima alle classifiche di vendite in termini di illuminotecnica.

Le strisce a LED sono la tipologia di Luci a LED soluzione più duttili ideali per illuminare e decorare ambienti professionali o semplicemente la casa.

Fonte Info ed Immagini : http://illuminazione-giardino.it/strisce-led

Cosa controllare quando acquistiamo le strisce LED

Le strisce LED non sono tutte uguali, il concetto base non cambia ma molto spesso le differenze albergano nei dettagli tecnici, i quali vanno controllati accuratamente per non rischiare di avere un effetto luce diverso da quello che ci si aspettava al momento dell’acquisto.

La striscia LED, altrimenti  definita strip LED, non è altro che una “fascetta” larga poco più di un centimetro e spessa un paio di millimetri, sulla quale sono installati dei piccoli chip, gli alloggi fisici su cui sono saldate le lampadine LED.

Le strisce a LED si presentano generalmente in rotoli da un massimo di cinque metri. Appositi punti di taglio sono localizzati lungo tutta la bobina, al fine di ricavare esattamente il quantitativo di strip di cui abbiamo bisogno per illuminare, in funzione della grandezza dello spazio su cui verrà applicata.

Una striscia LED occupa poco spazio e sviluppa una quantità di luce commisurata alle proprie esigenze, è flessibile e può quindi adattarsi ad applicazioni angolari, o più in generale in zone complesse dell’abitazione ove sarebbe altrimenti complicato posizionare una fonte di luce.

Numero di circuiti LED

Verificare anzitutto il numero di circuiti LED contenute all’interno del singolo chip. Teniamo presente che l’insieme dei componenti che caratterizzano il singolo chip di una striscia LED viene definito smd LED. I diodi contenuti all’interno del package possono variare da uno a tre, determinando quindi sensibilmente la quantità di luce emessa.

Luce LED calda, neutra, fredda, colorata

Stabilire quale tipo di luce desideriamo: le strisce LED bianco caldo sono identificate da 3000K – 3500K, le strisce LED con luce naturale da 4000K – 4500K, mentre le strisce LED bianco freddo sono oltre 4500K.
Se desideriamo strisce LED con luce colorata, questa tecnologia supporta lo spettro monocromatico RGB corrispondente al colore Rosso (R), Giallo (Y), Verde (G) e Blu (B).

Strisce LED da Esterno

Strisce LED Esterno

immagine di cancello esterno illuminato con strisce LED per Esterni

La collocazione delle strisce LED da esterno va inoltre analizzata sotto il profilo dell’esposizione ai liquidi. Le strisce LED possono essere infatti permeabili o impermeabili.

Il coefficiente di impermeabilità è dato dalla sigla IP (International Protection) che parte dalle strisce LED ip00 (permeabili) alle strisce LED IP68 (totalmente resistenti a qualsiasi agente liquido). Se dovete installare strisce LED per esterno specialmente in gradini o al livello del terreno è indispensabile utilizzare soluzioni con  grado di protezione IP68.

 

Utilizzi delle strisce LED in casa

La flessibilità e le ridotte dimensioni delle strisce LED consentono di variare negli utilizzi in modo praticamente totale. È possibile utilizzare una striscia LED per l’illuminazione di un sottopensile in cucina, o come luce ausiliaria negli angolo morti dello studio, piuttosto che come luce localizzata all’interno degli armadi.

Le strisce LED per i pensili dei mobili in casa rappresentano l’uso più frequente di questa tecnologia di illuminazione. Questo perché, assieme ad una evidente utilità, si unisce anche la funzione decorativa data dal LED posizionato in zone altrimenti buie del nostro arredamento casalingo.

Per questo motivo, le strisce LED da salotto vengono generalmente definire ornamentali o adatte per creare un ambiente rilassante.

Le strisce LED decorative possono essere un’ottima soluzione per esaltare una teca in vetro, o le curve di una piccola scultura in salone, o addirittura come strisce LED back-light per il televisore.

 

Utilizzi delle strisce LED in ambiente professionale

Le strisce LED professionali vengono spesso considerate l’alleato ideale per l’illuminazione di uffici, bar e negozi, questo perché all’utile e al decorativo uniscono una funzione di comunicazione visiva con il pubblico molto efficace.

Molto frequente è l’applicazione di strisce LED colorate al bancone di un cocktail bar, o magari applicate come luce da ambiente soft all’interno dei centri benessere.
Per gli uffici, applicazioni di strisce LED garantiscono migliori risultati in termini di efficienza produttiva, poiché non sviluppano calore mantenendo confortevole l’ambiente di lavoro, e la luce neutra (o fredda) favorisce scientificamente la concentrazione.

Consiglio: in caso di vicinanza ad altre fonti di calore, come avviene tipicamente negli uffici dotati di Pc e apparecchiature elettroniche, può essere opportuno, in fase di montaggio, contemplare dei profili in alluminio per strisce LED: darà un aspetto maggiormente professionale all’installazione e contribuirà a dissipare ulteriormente il calore.

 

Strisce LED a batteria o ad energia elettrica?

La tipologia di alimentazione per le strisce LED varia sulla base delle esigenze di collocazione del supporto.

Automobile, Armadio, Piccole zone localizzate: strisce LED a batteria

L’alimentazione a batteria è consigliata per tipologie di utilizzo che non prevedano un’emissione di luce ad alta intensità costante, e soprattutto circoscritta ad aree di ridotta dimensione: gli armadi guardaroba, le mensole a muro e più in generale i piccoli interventi decorativi fattibili con l’uso di una striscia LED.

L’alimentazione a batteria chiaramente ha il vantaggio di dimezzare l’ingombro di fili e cavetti, pur avendo come contro un uso necessariamente ridotto e sporadico, a meno che non si intenda investire corposamente in batterie.

Per i collegamenti, sarà sufficiente collegare la striscia LED al pacco batterie (rispettando le polarità dei cavi) coadiuvando il tutto con un interruttore.

Se intendiamo evidenziare con un look di impatto alcuni aspetti della nostra automobile, peraltro, può in alternativa facilmente essere realizzato un collegamento attraverso l’accendisigari della vettura.

Ambienti , Camere, Grandi aree: strisce led con alimentatore elettrico

Per gli ambienti nella loro totalità, a prescindere dalla loro grandezza, sarà opportuno ricorrere ad un trasformatore elettrico per strisce LED. Il sistema di collegamento e montaggio resta lo stesso della versione a batterie, con la differenza che – chiaramente – il trasformatore collegato alle strisce LED e connesso ad un interruttore, sia poi a sua volta collegato all’impianto generale.

Nota bene: per una migliore e più omogenea distribuzione della luminosità, sarebbe opportuno collegare l’alimentatore elettrico nel centro della striscia (soprattutto se si tratta di strisce LED molto lunghe) anziché a un suo estremo. Questo duplice collegamento eviterà inoltre un sovraccarico di energia che ridurrebbe sensibilmente la vita delle lampade LED.

 

Strisce LED per esterni e Barre LED

L’utilizzo di una striscia LED in ambiente esterno può essere la scelta giusta in caso di illuminazione decorativa di un patio o un giardino, o per esigenze di luce fissa anche di notte, magari per ragioni di sicurezza.

In quest’ultimo caso può essere valutabile anche l’installazione di barre LED, che differiscono dalle strisce per la struttura rigida (assenza di flessibilità) e poiché generalmente di dimensioni più grandi.

L’installazione di barre a LED per esterno può rivelarsi utilissima all’ingresso di un vano-garage o di un portone privato, senza contare che gli appassionati di automobili fuoristrada ne fanno largo uso applicando una barra LED sul tettino come efficace luce aggiuntiva.